Dopo le modifiche intervenute ad opera del DM 28/12/2018 all’art. 6 c. 2 del DM 17 giugno 2014 (Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici e alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto), è stato stabilito che per le fatture elettroniche emesse dal 1° gennaio 2019, (B2B/B2C e Fatture PE) il pagamento dell’imposta di bollo per ciascun trimestre solare, deve essere effettuato entro il giorno 20 del primo mese successivo.

Si ricorda che sulle fatture emesse, senza indicazione di iva, di importo superiore a € 77.47, occorre applicare la marca da bollo di € 2.00.

CASISTICHE RIFERIMENTO NORMATIVO Cod.Iva Business
Imposta di bollo art. 15 DPR n. 633/72 915
Interessi di mora art. 15 DPR n. 633/72 915
Somme anticipate in nome e per conto art. 15 DPR n. 633/72 915
cessioni di beni esistenti all’estero (soggetti passivi IVA extra-UE) art. 7-bis DPR 633/72 916
prestazioni di servizio “generiche” (soggetti passivi IVA extra-UE) art. 7-ter DPR 633/72 912
prestazioni rese su immobili situati fuori dal territorio dello Stato (soggetti passivi IVA extra-UE) art. 7-quater DPR 633/72 918
Operazioni fatturate a “esportatori abituali” – dichiarazioni di intento art. 8, c. 1, lett. c) DPR n. 633/72 716
Operazioni con sedi diplomatiche e consolari, basi NATO art. 72, DPR 633/1972 773
Cessione di motori di navi e provviste destinati a dotazione di bordo – relative prestazioni di servizi art. 8-bis c. 1, lett. d) ed e) DPR n. 633/72 731- 732
Servizi prestati nei porti, autoporti, ecc.. art. 9, c. 1, n. 6 DPR n. 633/72 741
Cessione di fabbricati ad uso abitativo art. 10 n. 8-bis) DPR n. 633/72 628
Cessione di fabbricati strumentali art. 10 n. 8-ter) DPR n. 633/72 628
Prestazioni sanitarie art. 10 n. 18) DPR n. 633/72 620
Prestazioni educative/didattiche art. 10 n. 20) DPR n. 633/72 620
Servizi pompe funebri art. 10 n. 27) DPR n. 633/72 920
Interessi dilazione di pagamento art. 10 n. 1) DPR n. 633/72 620
cessioni di beni esistenti all’estero (soggetti passivi IVA UE) art. 7-bis DPR 633/72 904
prestazioni di servizio “generiche” (soggetti passivi IVA UE) art. 7-ter DPR 633/72 905
prestazioni rese su immobili situati fuori dal territorio dello Stato (soggetti passivi IVA UE) art. 7-quater DPR 633/72 906

L’imposta di bollo sulle fatture elettroniche emesse nel 2019 dovrà quindi essere versata entro le seguenti scadenze:

  • 23/04/2019 (il periodo 20/04-22/04 è festivo) per le fatture elettroniche emesse nel primo trimestre 2019;
  • 22/07/2019 (il 20/7 è sabato) per le fatture elettroniche emesse nel secondo trimestre 2019;
  • 21/10/2019 (il 20/10 è domenica) per le fatture emesse nel terzo trimestre 2019;
  • 20/01/2020 per le fatture elettroniche emesse nel quarto trimestre 2019.

Stampe di controllo disponibili:

All’interno della consolle fatturazione elettronica è disponibile una stampa di controllo che evidenzia le fatture emesse soggette ad imposta di bollo.

Entrare nella consolle fatturazione elettronica (4-1-I oppure 2-1-E) e selezionare STRUMENTI – STAMPA CONTROLLO DOCUMENTI CON BOLLO

Nella videata successiva compilare i campi Data consegna da/a indicando il primo giorno del trimestre (es. 01/01) e la data ultima di invio delle fatture elettroniche del trimestre (es. 15/04/19)

Ai fini del calcolo dell’importo da versare dovranno essere considerate solamente le fatture con data documento compresa tra l’inizio (es. 01/01) e la fine del trimestre (es. 31/03).

Il programma estrae solamente le fatture in cui è stata compilata la sezione Altri dati documento – Testata

A prescindere dall’addebito del bollo al cliente.

La sezione viene compilata automaticamente in caso di corretta compilazione della Tabella bolli (1 – A – 2)

Ai fini di un ulteriore controllo sull’esattezza e la congruità dei dati estratti, è opportuno effettuare una stampa di controllo:

U – Stampe Parametriche – 1 – Stampe Parametriche – Query

Selezionare il formato di stampa 2251 – Stampa controllo movimenti Iva con tipo acquisto

Compilare come da videata sottostante.

Nel campo Codice Iva, selezionare Operatore = e, nel campo Valore, indicare di volta in volta i codici Iva indicati nella tabella apposita ed utilizzati per emettere fatture nel trimestre.

Verificare che l’elenco corrisponda con la STAMPA CONTROLLO DOCUMENTI CON BOLLI.

Nel caso si emettano solo fatture (senza contabilizzarle), utilizzare il formato di stampa 90 – Riepilogo fatture

Compilare come da videata sottostante.

Cliccare sull’icona della stampante.

Nel pannello successivo selezionare la data di inizio e fine del trimestre (es. 01/01 – 31/03) e cliccare Ok.

Verrà visualizzato l’elenco delle fatture emesse nel periodo con il codice Iva utilizzato.

Nel caso in cui uno o più dei codici Iva utilizzati prevedano l’assoggettamento a bollo (vd. tabella apposita), verificare che compaia anche nella STAMPA CONTROLLO DOCUMENTI CON BOLLI.