Se vi è capitato di emettere una fattura elettronica che è stata ACCETTATA dallo SDI perché formalmente corretta ma rifiutata dal Vostro cliente per errori di varia natura, occorre emettere allo stesso cliente una NOTA DI ACCREDITO che dovrà avere il riferimento alla fattura errata e probabilmente dovrà riportarne anche lo stesso contenuto, a questo scopo dono stati introdotte di Business  due importanti funzioni

La prima funzionalità introdotta fa si che che Note di accredito emesse, sia immediate che differite,  se nella partita del documento emesso viene indicato un valore, si assume che siano gli estremi della fattura che la nota di accredito ha stornato e gli estremi di questo documento vengono inseriti nel tag ‘Riferimenti fatture’ quando sarà generata la fattura elettronica.

Questo riferimento varrà per tutte le righe della nota di accredito.
Se una nota di accredito deve stornare più fatture, occorrerà fare più note di accredito.

La seconda funzionalità permette di IMPORTARE il contenuto di una Fattura Differita copiando il contenuto del corpo e citando i DDT EMESSI collegati.
Nel caso la NOTA DI ACCREDITO della stornare una FATTURA IMMEDIATA, non sarò usata questa funzionalità perchè per replicare il corpo è sufficiente DUPLICARE la fattura immediata e modificarne il TIPO BOLLA FATTURA settandolo a 101


Per cui per fare una NOTA DI ACCREDITO che storna una fattura differita (caso più complicato) occorre procedere come segue

NUOVA NOTA DI ACCREDITO, indicare il tipo documento RESO DA CLIENTE  e prelevare il CORPO della fattura differita come in figura

selezionare la fattura da stornare

il corpo del documento sarà riempito in automatico e saranno aggiunte delle righe con “D” per esporre i riferimenti ai DDT EMESSI citati nella fattura differita

compilare negli estremi della partita i dati del documento fattura da stornare

questa NOTA DI ACCREDITO una volta trasformata in ELETTRONICA avrà i corretti riferimenti richiesti per lo storno

Gli articoli citati nel corpo saranno movimentati come RESO e quindi ricaricati magazzino.

 

L’eventuale successiva FATTURA EMESSA IMMEDIATA potrà essere creata ancora una volta IMPORTANDO nuovamente il corpo della FATTURA DIFFERITA per evitare di riscrivere il documento.

La causale di VENDITA indicata sulla fattura sistemerà la giacenza degli articoli facendoli nuovamente “uscire” dal magazzino